Il mosaico, si può dire che accompagni la vita dell'uomo fin dalle origini, per questo rimane una delle più alte espressioni dell'arte che da sempre ci incuriosisce e incanta, emanando spontaneamente quel senso di eternità, di forza, di solidità, per certi versi paragonabile alla donna, che nell'arte è la figura per eccellenza, la suprema purezza della forma che più di ogni altra ha ispirato artisti di tutti i tempi, rimanendo l'enigma più intrigante di tutta la vicenda umana.

Una lettura appassionata ed emozionante di quell'universo femminile che affascina, sconvolge, interroga e stupisce il grande filosofo come l'uomo comune, ma che allo stesso tempo ne racconta le difficoltà, le fatiche, le violenze e le speranze.
Può esistere qualcosa che possa impedirle di essere madre, moglie, lavoratrice, cittadina... purtroppo, ma non può esistere qualcosa che possa impedire alla donna di essere donna. Esplorare la profondità dell'animo femminile, con tutto il mistero e la magia che lo rende esclusivo, trasmettere emozioni ogni volta in maniera differente attraverso tessere colorate.
Proprio come un mosaico, la nostra percezione delle cose e la vita stessa, altro non sono che un'infinità di piccole tessere che, combinandosi tra loro, originano il nostro comportamento, il nostro carattere e, in un certo modo, anche il nostro sognare.

Oggi il mosaico è utilizzato come elemento decorativo in cui eleganza e suggestione si fondono in un'esperienza estremamente coinvolgente.
Grazie a collaborazioni sempre più strette tra artigiani e designer, il mosaico sta scoprendo usi e contesti nuovi, facendo prevalere questa forma d'arte nell'architettura moderna e non. Inoltre per la sua facilità d'abbinamento con materiali diversi quali il legno, il metallo, la ceramica, il vetro, il marmo, il gesso e lo stucco, questa tecnica artistica scopre una varietà di utilizzo mai avuta prima, rispondendo ad infinite esigenze progettuali, adattabili al gusto e allo stile personale. Per questo motivo l'artigianato artistico è dominante in una realtà appiattita da una produzione industriale, meccanica e di massa, dove l'unicità dell'opera e soprattutto dell'emozione faranno sempre la differenza.